Rapina da 2000€ ad una sala gioco di Pordenone

Pordenone. 1 Gennaio 2017 – Ore 2.20 am

Nella notte di capodanno una banda di malviventi ha messo a segno un colpo da 2000€ forzando le slot machine presenti e fuggendo con una cambiamonete. Il furto è stato ripreso dalle telecamere di sorveglianza.

Si tratta di un gruppo di malviventi ancora non identificati che la scorsa notte ha messo a segno l’ennesimo colpo ad una sala piena di slot machine. Dopo aver forzato una porta sono entrati all’interno del locale e si sono diretti all’interno della Sala Slot. E’ scattato l’allarme collegato con l’istituto di vigilanza, con la sala operativa che ha inviato sul posto una pattuglia.

Il furto è stato ripreso dalle telecamere, alcuni testimoni hanno visto un’auto fuggire all’uscita del locale.

La banda, consapevole di avere pochissimo tempo a disposizione, ha dovuto rivedere i piani. I malviventi hanno tentato di forzare una slot machine, precisamente la Slot Book Of Ra, ma poi hanno desistito. Sono però riusciti a mettere le mani su una macchinetta cambiamonete: l’hanno caricata su un mezzo e sono fuggiti a tutta velocità prima dell’arrivo dell’agente di vigilanza.

Il bottino, secondo le indiscrezioni, ammonta a circa duemila euro.

Il colpo è stato ripreso dalle telecamere del circuito di videosorveglianza del bar; le immagini sono al vaglio degli inquirenti. Alcuni testimoni hanno visto un’auto con a bordo alcuni uomini fuggire.

Ancora non identificati i rapinatori. Le telecamere all’interno del locale hanno ripreso solo due uomini incappucciati ma secondo gli inquirenti e i testimoni potrebbe essere implicata una terza persona al posto di guida del mezzo su cui si sono dati alla fuga.

Non sono ancora usciti particolari o segni di riconoscimento ma le forze armate stanno vagliando attentamente le registrazioni alla ricerca di qualche dettaglio utile ed hanno impiegato diversi mezzi per bloccare furgoni e mezzi di lavoro di colore bianco.

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*